lunedì , 23 ottobre 2017
Ultime Notizie
Home / Editoriale / Cerimonia Lauree 2017, la grande bellezza

Cerimonia Lauree 2017, la grande bellezza

Foto di Unime
Foto di Unime

Ricordo ancora i commenti che ho letto sulla nostra pagina Facebook circa 3 anni fa, quando pubblicammo la notizia relativa alla scelta dell’allora nuova amministrazione Navarra di creare una cerimonia per la consegna dei diplomi di laurea. “Ma perché non pensano a ridurre le tasse invece di fare queste cose???”, “Ma che è questa americanata? Perché dobbiamo perdere le nostre tradizioni??”, e tanti altri ancora, simili. E’ vero, è nel nostro animo da studente medio quello di lamentarci a prescindere delle scelte prese dalla propria Università, dai “poteri forti”. Poi però, probabilmente, ci avete ripensato: “Sì, magari questa Università non è il top, però dai, la cerimonia può essere un bel momento”. E a quanto pare, lo è stato veramente tanto. Chi vi scrive avrebbe voluto fortemente partecipare a questo evento, ma purtroppo la nuova vita da fuori sede non me lo ha consentito. Ma ho visto tante foto di chi era presente. Foto con facce soddisfatte, orgogliose, di se stessi e del proprio Ateneo, che,  anche se può avere tanti difetti (decisamente di meno rispetto a 3-4 anni fa, fidatevi), da due anni riesce a regalare una serata unica e piena di emozioni ai laureati Unime.

Creare un evento così bello e particolare non toglie nulla ai diritti degli studenti, non causa un aumento delle tasse o una diminuzione dei servizi. Siamo d’accordo, anche se i miglioramenti con il nuovo Rettore Pietro Navarra sono arrivati, è ovvio che si può (e si deve) sempre migliorare, ma godiamoci queste gioie, piccole o grandi che siano. Abbiamo la fortuna di avere a pochi passi un Teatro Antico, come quello di Taormina, che renderebbe emozionante, visto lo scenario, anche l’apertura di una lattina di Coca Cola e ci dobbiamo ritenere onorati di poter partecipare ad un evento che mette noi, (ex) Universitari Messinesi, al centro di tutto. 
A proposito di Navarra, trovo molto significative le sue parole di ieri sera, riassunte in un comunicato stampa dell’Ateneo: “Questa sera state per voltare un’altra importate pagina del prezioso libro della vostra vita. Ce ne saranno ancora tante nel cammino che avete di fronte. Non lasciatene nessuna vuota e vivetele tutte con entusiasmo e passione, coltivando sempre la vostra capacità di imparare e di crescere. Solo così, durante questo cammino, capirete chi realmente siete e avrete la possibilità di diventare, giorno dopo giorno, la versione migliore di voi stessi. Indipendentemente dal percorso che sceglierete di intraprendere, mi auguro che possiate conservare e portare con voi l’esperienza maturata nell’Università di Messina. Un’esperienza di selezione fondata sul merito. Elemento, quest’ultimo, che ha richiesto a voi studenti un lavoro serio e faticoso e a noi docenti una valutazione rigorosa e imparziale”. Sono d’accordo, caro Rettore: positiva o negativa che sia stata, dobbiamo portare sempre con noi l’esperienza maturata presso l’Unime, perché si tratta comunque di un’esperienza importante e come tale ci aiuta a crescere, personalmente o professionalmente.

E’ giusto sottolineare anche alcune dichiarazioni di Carlo Freccero, consigliere di amministrazione della Rai, ospite d’onore della serata di ieri: “Non pensate mai alla vostra laurea e ai vostri studi, come ad un tempo perso per ottenere con tempestività i vostri obiettivi. Come Steve Jobs vi insegna, nel momento in cui studiamo qualcosa non possiamo sapere ancora a cosa ci servirà. Soprattutto perché qualsiasi certezza e cambiamento è oggi destinato a sgretolarsi in tempi brevi. Ma, se un profeta dell’innovazione come Jobs riconobbe la sua gratitudine ad una disciplina arcaica ed obsoleta come la calligrafia, questo deve pur significare qualcosa”. Infine, per la cronaca, leggendo il comunicato Unime  notiamo che sono stati ben 700 i laureati presenti (i quali avevano conseguito il titolo tra maggio 2016 e maggio 2017) rigorosamente vestiti con toga e tocco. Così come l’anno scorso, tanta emozione nel momento del lancio dei tocco. Ma adesso, diamo spazio a voi. In basso, trovate le vostre foto della serata. La pagina resterà in aggiornamento continuo, con l’inserimento delle vostre foto che ci potete inviare tramite la pagina Facebook! Come l’anno scorso, #SiamoTroppoToghe è l’hashtag giusto per raccogliere tutte le vostre foto-ricordo della Cerimonia di Taormina. Una serata indimenticabile in un luogo stupendo. La Grande Bellezza.

Controlla Anche

segreteria tasse unime

Tasse, proroghe e file inutili in segreteria

Questa mattina sono andato in segreteria e, come tutti gli studenti che passano almeno un’ora …